E’ partito un nuovo carico di giocattoli e abiti usati destinati ai nostri amici di Mae Sot e dintorni.  Gli alunni della scuola dell’infanzia e primaria hanno rinunciato con piacere ad un gioco o ad un capo di vestiario per far arrivare tutto il loro amore a 10000 km di distanza.

La compagnia di trasporti che ci sostiene ormai da quattro anni ci ha offerto di inviare gratuitamente via nave il nostro carico che verso la metà di agosto è arrivato a destinazione a Bangkok. Da lì i nostri amici del focolare, Luigi, Glauco, Jim, Bancha, hanno raggiunto Mae Sot dopo 7 ore di viaggio verso il nord.

Il loro arrivo è stato accolto con gioia e meraviglia dai nostri piccoli amici della scuola “Goccia dopo goccia” che hanno aperto con grande curiosità  i nostri pacchi, tutti decorati con i disegni realizzati dai nostri bambini e pieni di doni di ogni tipo.

Questo progetto ha costruito un ponte immaginario tra Latina e Mae Sot, accorciando le distanze tra i nostri bambini.

Da Bangkok ci hanno scritto: “La cosa bella è poter stare accanto a loro e potergli trasmettere quella certezza di essere amati, pensati, da gente, da coetanei che nemmeno hanno visto e che mai vedranno. Ma che esistono. Bellissimo, stavolta, quando abbiamo proposto di fare dei disegni, subito si sono adoperati per questo. Un bimbo, dopo 30 minuti che era sul foglio, ha esultato: ’’Ne ho fatti 3!’’ Erano tre facce di gattini che Num, un giovane amico che era venuto con noi, disegnava alla lavagna e che lui, faticosamente ma caparbiamente, ha ricopiato e che ci ha mostrato come fossero dei dipinti di Picasso! Uno spasso! Ma l’amore fa anche questo. In mezzo alla disperazione fa esultare e sorridere e vedere un mondo diverso, dove non esistono la fame, le privazioni, le sofferenze e la guerra!”